Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

Company Joomla Template by Cheap Web Host

 

Industria 4.0: agevolazioni per rilanciare la competitività del sistema produttivo lucano.

Categoria: Circolari Pubblicato: Martedì, 09 Gennaio 2018 Scritto da Donato Troia

È stato pubblicato sul BUR n. 1 del 01/01/2018 della Regione Basilicata l'Avviso Pubblico “Industria 4.0 - Impresa 4.0 - Agevolazioni per l’innovazione e lo sviluppo di tecnologie abilitanti”, approvato con DGR n. 1407 del 21/12/2017.

Il presente Avviso intende incentivare gli investimenti ad alta intensità di conoscenza ed i cicli d’innovazione rapidi su tecnologie abilitanti (Key Enabling Tecnologies – KETs). La finalità è rilanciare la competitività del sistema lucano in raccordo con gli obiettivi del Piano Nazionale dell’Industria 4.0, attraverso il sostegno degli investimenti in innovazione, trasferimento tecnologico, competenze e tecnologie digitali del sistema produttivo regionale per innalzarne i livelli di competitività e di competenza. L’obiettivo finale è dunque aumentare la competitività del sistema produttivo regionale, salvaguardare posti di lavoro e crearne dei nuovi, incrementare il valore della produzione, e coinvolgere il sistema scolastico promuovendo i percorsi di alternanza scuola e lavoro.

Le agevolazioni  consentono alle imprese di richiedere contributi per:

- ottimizzare i processi produttivi;

- supportare i processi di automazione industriale e sistemi di interconnessione;

- acquisire servizi di innovazione specialistica e di trasferimento tecnologico all’industria 4.0;

- sviluppare tecnologie di produzione anche con nuovi materiali a tecnologie avanzate.

Destinatari dell’agevolazione del presente Avviso Pubblico sono le Grandi imprese, le Medie, le Piccole e Micro imprese, che intendono realizzare nuovi investimenti sul territorio della Regione Basilicata.

Il programma d’investimento può essere articolato nei due seguenti progetti specifici:

  • Tipologia A: progetto d’investimenti innovativi finalizzati all’introduzione e allo sviluppo delle tecnologie abilitanti (KETs) dell’industria 4.0;
  • Tipologia B: progetto di trasferimento e Know-how tecnologico, attraverso servizi altamente qualificati di consulenza tecnico scientifica a sostegno dell’innovazione.

Il programma di investimento candidato deve prevedere obbligatoriamente il progetto di cui alla “Tipologia A”. Per le Grandi Imprese non sono ammissibili ad agevolazione i progetti di cui alla Tipologia B.

I programmi d’investimento ammissibili ad agevolazione devono essere avviati successivamente alla data di inoltro della domanda di agevolazione, e devono essere ultimati entro e non oltre 24 mesi dalla data di notifica del provvedimento di concessione, fatta eccezione per i progetti relativi alla “Tipologia B” che devono essere ultimati entro 18 mesi.

Sono ammissibili i programmi di investimento con un importo candidato uguale o superiore a €80.000,00.

A pena di inammissibilità di tutte le domande, ciascun proponente può presentare una sola istanza a valere sul presente Avviso.

Sono ammissibili ad agevolazione, con riferimento al progetto specifico di cui alla “Tipologia A”, le seguenti tipologie di spese:

a) Spese generali, nel limite massimo del 7% dell’importo totale del programma di investimento ammissibile ad agevolazione e comunque fino ad un importo massimo di contributo pari a € 60.000,00 (spese per consulenze redazione progetto di investimento; spese tecniche di progettazione industriale; spesa relativa alla perizia tecnica giurata; spese per collaudi; spese per polizze fidejussorie relative all’anticipazione);

b) Spese connesse all’investimento materiale (realizzazione di opere murarie e assimilate a esclusivo asservimento degli investimenti, nel limite massimo del 20% dell’importo complessivo del programma di investimento ammissibile ad agevolazione; macchinari, impianti di produzione strettamente necessari al ciclo di produzione e dimensionati all’effettiva produzione, attrezzature varie, hardware e mezzi mobili non targati, identificabili singolarmente e a servizio esclusivo della sede operativa oggetto di intervento);

c) Spese connesse all’investimento immateriale (programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa; spese connesse all’acquisizione di certificazioni volontarie).

Con riferimento ai progetti di cui alla “Tipologia B”, sono ammissibili le seguenti tipologie di spese:

1) acquisto per l’ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti ed altri attivi immateriali di supporto all’industria 4.0. nel limite del 20% dell’investimento complessivo ammissibile;

2) i costi di messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un Organismo di ricerca e diffusione della conoscenza, che svolga attività di ricerca, sviluppo e innovazione in una funzione di nuova creazione nell’ambito dell’impresa beneficiaria e non sostituisca altro personale;

3) servizi di consulenza all’innovazione e al trasferimento tecnologico.

L’importo massimo del contributo relativo alle suddette spese di cui alla “Tipologia B” non può superare il 20% del progetto di cui alla “Tipologia A” e nel limite massimo di € 100.000,00.

Sono ammissibili le spese per macchinari, impianti e attrezzature acquistate anche attraverso contratti di leasing che prevedono la clausola di riscatto.

Sull’importo delle spese ritenute ammissibili è concesso un contributo in conto impianti, come di seguito dettagliato: 

 

Tipologia progetto

Piccole e Micro imprese

Medie Imprese

Grandi imprese

A. Progetto per la realizzazione di investimenti innovativi

 

45%

 

35%

 

25%

B. Progetto di accompagnamento alla conoscenza dell’industria 4.0 anche attraverso servizi altamente qualificati di consulenza e sostegno all’innovazione

 

 

50%

 

 

50%

 

 

Non ammissibile

L’impresa deve garantire il cofinanziamento del programma di investimento attraverso risorse proprie (capitale proprio e/o finanziamento esterno), attestato da un istituto di credito, e pari almeno alla quota residua dell’investimento candidato al netto del contributo. Una quota del cofinanziamento, minimo del 25% dell’investimento candidato, deve essere priva di qualsiasi forma di sostegno pubblico.

Il contributo massimo concedibile non potrà superare l’importo di € 500.000,00.

La dotazione finanziaria complessiva del presente avviso è pari a € 7.760.000,00 a valere sulle risorse del Fondo previsto dall’art. 45 della legge 23 luglio 2009, n.99 e ss.mm.ii. assegnato alla Regione Basilicata con DM 14 settembre 2016.

La procedura di presentazione delle domande di agevolazione è a sportello telematico. Lo sportello telematico sarà aperto a partire dalle ore 8.00 del giorno 15/02/2018 e fino alle ore 18.00 del giorno 15/04/2018. L’ordine di istruttoria delle istanze alle agevolazioni è determinato dal punteggio ottenuto in fase di compilazione della candidatura telematica.

I nostri uffici sono a Vs disposizione per qualsivoglia chiarimento.